Vai al contenuto

Giro nel circuito di Montecarlo

Nel novembre 2018 ho avuto la fortuna di poter guidare nelle strade del famoso circuito cittadino di Montecarlo durante una giornata normale. Per chi è appassionato di formula 1 è una esperienza fantastica, sia farlo in auto che a piedi.

Arrivato in auto a Montecarlo, la città è piena di parcheggi in gallerie che permettono di lasciare la macchina e poi visitare tutto comodamente a piedi. Ho lasciato l’auto nei pressi del parcheggio vicino la stazione di Montecarlo che sbocca alla “prima curva”, Saint Devote, che prende il nome dall’omonima chiesa. Da li ho percorso tutto il circuito seguendo il senso delle auto di f1.

Qui sotto la piantina del circuito con le curve famose.

Come anticipato il circuito si snoda su strade utilizzate per il traffico regolare, l’evento di solito si svolge in primavera, quasi sempre presente nel campionato di Formula 1 sin dalle prima edizione del 1950.
I nomi delle curve prendono i nomi delle principali attrazioni o luoghi di interesse dello stato, escluse le curve 13 e 17 che prendono i nomi di Louis Chiron, il pilota monegasco più famoso e Antony Noghes, fondatore del Gran Premio.
Il Gran Premio di Monaco è noto per la sua difficoltà di sorpasso, è fondamentale avere una buona posizione in griglia di partenza per avere maggiore probabilità di vittoria. Altro livello di difficoltà da aggiungere è la ridotta larghezza della carreggiata con muri vicinissimi, conseguenza di ciò è l’elevato numero di incidenti durante il week end di gara.
Famosa fu l’edizione del 1996 con sole 4 macchine a tagliare il traguardo!

Qui sotto alcuni iconici tratti del circuito: la prima foto la curva 4 del Casinò, la seconda il tornantino e la terza l’ingresso del “Tunnel“.

Ayrton Senna detiene il record di vittorie del Gran Premio di Monaco, ben 6. Tra le scuderie la McLaren vanta il maggior numero di successi con 15 vittorie fino ad oggi. Uno tra i piloti più forti da citare è sicuramente Graham Hill per aver vinto ben 5 volte il Gran premio negli anni 60′, e fu soprannominato il “Re di Monaco” in quegli anni.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *