Vai al contenuto

Cosa fare in 1 weekend nelle Alpi Friulane

Le Alpi Friulane (o Carniche) sono una sottosezione alpina situata tra le Dolomiti e le Giulie. La porzione Friulana rispecchia gli altri settori delle regioni circostanti con altissime pareti suggestive che danno un senso di piccolezza di fronte alla grandezza della natura! Esse rientrano insieme ad altri nove siti dal 2009 nella lista Patrimoni UNESCO.

Prima di giungere alle cime, le zone circostanti sono costellate da tanti piccoli paesini di montagna che vale la pena di visitare. Ho avuto la fortuna di recarmi in queste località. Grazie a un amico del posto ho potuto assaporare l’aria friulana e godere di paesaggi favolosi. Il consiglio che posso dare per visitare questi luoghi è quello di affittare un auto per avere l’indipendenza e osservare ogni angolo che regala questa zona della natura. Per gli appassionati di ciclismo invece le strade sono adatte per i più allenati a scalare rampe davvero ripide!

Andreis

A 455m s.l.m. all’imbocco della Valcellina si distingue per le sue case bianche e riferimenti in legno. Secondo una leggenda si narra che Attila passò da queste parti verso il V secolo.

Il paesino è considerato uno dei musei viventi della cultura montana, circondato da paesaggi verdi e colorati.

Erto e Casso

Piccolissimi borghi, sono stati dichiarati monumento nazionale, per la loro architettura di montagna. Secondo diverse fonti i primi insediamenti risalgono alla metà del XIV secolo.

Negli ultimi anni sono saltati alla ribalta in quanto sede della famosa bottega di Mauro Corona. Noto al pubblico per le sue apparizioni televisive ma famoso scultore e scrittore friulano.

Poffabro

Fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia. Composto da bellissime casette arroccate nel cuore della Val Colvera,a 525 metri ai piedi del monte Ràut. Furono trovati insediamenti sin dai tempi romani.

Il nome deriva da “prato dei fabbri” secondo un documento datato nella metà del XIV secolo.