Vai al contenuto

Agrigento: la Valle dei Templi e tanto altro

Agrigento fu fondata nel 581 a.C., dominata da diversi popoli, tra i quali i normanni che la ribattezzarono Girgenti, nome che mantenne fino al 1927. La città è famosa per la cosiddetta “Valle dei Templi”, inserita tra i patrimoni Unesco nel 1997. Il sito archeologico è il fulcro della visita del turista che viene in queste zone della Sicilia. Il territorio offre diversi spunti per organizzarsi un weekend tra bellissimi borghi, città marinare e paesaggi colorati. Per chi invece arriva in Sicilia per farsi un tour dell’isola, questa tappa deve essere inclusa nel giro.

La città di Agrigento offre una movida interessante per i ragazzi con numerosi locali nel centro cittadino. Inoltre sono diversi i punti fotografici e instagrammabili disseminati tra le scale e le viuzze della città. Da segnalare le numerose spiagge e la famosissima “scala dei Turchi“, conosciuta per il bellissimo contrasto del bianco sul mare azzurro limpido. Degna di nota tra i borghi e la bellissima città di Sciacca, una perla sul mar mediterraneo conosciuta per il suo carnevale e le ceramiche prodotte in loco.

La Valle dei Templi è l’area archeologica più grande al mondo. Corrisponde all’antica Akragas, antica colonia Greca. Il sito ospita ben 12 tempi in stile dorico. Tra i tempi, quello della “Concordia” è il meglio conservato. Altri tempi di notevole importanza sono quello di Ercole, di Zeus e di Giunone.

E’ preferibile visitare la valle durante le prime o le ultime ore per evitare le lunghe code. D’estate è possibile visitarli anche la sera. Le luci che illuminano i monumenti rendendo l’atmosfera ancora più magica.

Nel sito ufficiale sono indicate tutte le informazioni di orari, prezzi e come raggiungerli.

Agrigento

La città si trova su un sito collinare costituito da scalinate ricche di viuzze e cortili colorati che lasciano il visitatore a bocca aperta.

Nonostante i vari sali e scendi la città è facilmente visitabile in giornata essendo molto raccolta.

Scala dei Turchi

Il nome deriva secondo la leggenda dall’utilizzo che ne fecero gli ottomani per assaltare questa zona della Sicilia.

Sono presenti diversi punti panoramici che regalano una vista spettacolare. Non accessibile in ogni parte da un lido nelle vicinanze si vede in tutta la sua imponenza

Sciacca

Il piccolo borgo marinaio regala un immersione storico culturale della Sicilia.

Famosa per il suo carnevale d’inverno. Nel resto dell’anno è possibile ammirare le spiagge e soprattutto le favolose botteghe della lavorazione del corallo e delle ceramiche.