Vai al contenuto

Cosa vedere a Venezia in 1 weekend

Venezia è una delle città italiane più famose al mondo, conosciuta per la sua peculiarità di essere una “città nell’acqua”, ricca di ponti e canali. Il fascino del carnevale e il romanticismo delle gondole impreziosiscono la scena. Venezia, regala un’atmosfera magica durante tutto l’anno. Difficile riuscire a fare delle foto senza dover aspettare che passi una flotta di turisti.

Un lembo di terra collega la città al resto dell’Italia. Una strada e una linea ferrata transitano in continuazione rendendo continua la prosecuzione di Venezia alla città di Mestre. Il vicino aeroporto inoltre permette di collegarla al resto del mondo. Tra le perle da ricordare le altre piccole isole della laguna veneta come Burano e Murano, famose per i manufatti in vetro.

Piazza San Marco e la Basilica

Il primo luogo che viene in mente quando si dice la parola Venezia è sicuramente “Piazza San Marco”. Insieme al Ponte di Rialto è uno dei punti di riferimento per muoversi tra i canali. La piazza è il cuore pulsante della città. Un tempo si svolgeva un mercato fino a quando non venne costruita l’omonima basilica dedicata a San Marco. Circondata da una infinità di bar e locali molto “chic”, non per tutte le tasche, è un punto di ritrovo per i veneziani e non e punto in cui si svolgono la maggior parte delle manifestazioni. Per prenotare in anticipo il biglietto per la Basilica ecco il link.

Palazzo Ducale

Situato in Piazza San Marco, il palazzo Ducale un tempo dimora del Doge. Tenuto molto a cuore da parte dei veneziani è stato protagonista di eventi importanti nel corso dei secoli. Nonostante i danni subiti da numerosi incendi nel corso dei secoli, conserva il suo fascino. I colori della pietra bianca mescolata al marmo roseo veronese rendono unico il palazzo. Curiosità per chi osserva attentamente le colonne, due di esse hanno colore diverso rispetto alle altre. In quel punto infatti si affacciava il Doge. L’interno del palazzo è composto da 7 aree tematiche, per prenotare in anticipo il biglietto ecco qui il LINK

Ponte di Rialto e Canal Grande

La presenza dei canali cittadini tra una “via” e l’altra ha “costretto” i veneziani a costruire una quantità infinita di ponti (sono più di 400!). Uno dei più importanti è sicuramente il Ponte di Rialto, vero simbolo della città. Giunti in stazione si nota che per muoversi a Venezia le indicazioni segnano “Ponte di Rialto” o “San Marco”. Il ponte si eleva sul Canal Grande, il canale più lungo che attraversa il centro storico. Da questo punto si gode di una meravigliosa della città. Per un giro in gondola attorno al canal grande è possibile prenotare in questo link.

I ponti di Venezia

Oltre il famoso Ponte di Rialto, il numero di ponti è innumerevoli, ad oggi sono ben 435! Più o meno grandi e chi più decorato e chi meno. La funzione è unica collegare la città in ogni angolo. Tra i ponti che attraversano le fondamenta (ovvero il tratto di strada che costeggia un canale o un rio) da ricordare: il Ponte dei Sospiri, il Ponte degli Scalzi e il Ponte dell’Accademia. Ognuno di essi spesso ha una storia correlata.

Gallerie dell’Accademia

Per gli appassionati d’arte sicuramente diventa una tappa obbligatoria le Gallerie dell’Accademia di Venezia. All’interno è possibile ammirare opere di artisti del periodo compreso tra il Trecento e il Rinascimento. Una delle più importanti è L’Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci. Il disegno del noto genio purtroppo non viene sempre esposto per evitare possibili deterioramenti dell’inchiostro. Per godere del museo consiglio un tour guidato che permetterà di conoscere al meglio le opere, ecco il link.

Ghetto Ebraico

Una città nella città, il termine “ghetto” ha origine proprio nella città di Venezia, per apostrofare gli “altri” dai propri quartieri. Costruito da particolari case per ospitare le numerose famiglie ebraiche, presente tre sinagoghe.

Le Calli, Le Fondamente, le Paline e le Bricole

Per entrare più nel vivo della conoscenza di Venezia cito questi tre termini. Essi sono i caposaldi di quello che si trova a Venezia e li sentirete spesso durante la visita in città.

La calle corrisponde alla tipica via veneziana, incassata tra due file continue di edifici. Spesso sono ricche di negozi e laboratori al pian terreno.

La fondamenta veneziana invece è il tratto che costeggia un canale o un rio.

Infine troviamo la palina e la bricola, rispettivamente i pali (singoli) usati per l’ormeggio e i pali multipli usati per indicare le vie dell’acqua nella laguna.

Burano, Murano e Torcello

I tre isolotti della laguna presentano ognuno delle caratteristiche peculiari che meritano una visita. Iniziando dalla meno conosciuta, Torcello, presenta diverse chiese al suo interno. Murano è la città famosa per la produzione di meravigliose opere in vetro soffiato. Infine Burano, l’isola più caratteristica di tutte. Composta interamente da abitazioni dai colori sgargianti ognuna di colore diverso. Peculiare il campanile della chiesa principale pendente, la produzione dei ricami e dei biscotti di Burano. Per godere al meglio degli isolotti è possibile prenotare un tour delle isole tramite questo link.

Cosa mangiare a Venezia

La cucina veneziana è fortemente legata al mare che la circonda. Il pescato locale fa da padrone nella maggior parte dei piatti da gustare nelle tipiche locande e nei numerosi ristoranti. Tipico l’antipasto con i famosi “cicchetti”, spesso composti da pesce fritto, accompagnati ovviamente da un buon vino.

Il veneto è famoso per l’aperitivo, quale città migliore se non Venezia per gustarlo tra le piazze o gli incantevoli viottoli. Concludo dicendo che l’anima del sito è quello dei viaggi low-cost. Visitare la città veneta se si seguono certe dritte può rilevarsi più economica di certe cittadine di periferia! Ovviamente se si scegli di sedersi in piazza San Marco sicuramente i prezzi saranno più alti. Un consiglio? Scoprite le varie calle e troverete del buon vino e degli ottimi locali in cui mangiare.