Vai al contenuto

Cosa vedere a Torino in 1 weekend

Torino, il capoluogo del Piemonte e antica capitale Sabauda, città d’arte e storia è ricchissima di luoghi da visitare. Data la sua posizione strategica è ben collegata grazie alla presenza del vicino aeroporto e i collegamenti ferroviari. La Mole Antonelliana, il Museo Egizio, le Residenze Reali, la Sacra Sindone sono solo alcune delle tante attrazioni della città. Torino inoltre è stata inserita tra i Patrimoni Unesco in riferimento alle residenze dei Savoia.

Mole Antonelliana e Museo del Cinema

Il Simbolo di Torino, la Mole, fu costruita dall’architetto Alessandro Antonelli(da qui il nome) nel 1863. Progettata come tempio ebraico fu successivamente ceduta al comune di Torino nel 1878 che la dedicò al Re Vittorio Emanuele II. Inaugurata nel 1889 con la posa sulla guglia della statua del genio alato. Alta 167m, si può godere di una vista della città dal Tempietto sito a 85m di altezza. Oggi la Mole ospita il Museo Nazionale del Cinema.

Musei reali

Il polo dei Musei Reali, comprende diversi musei: l’Armeria Reale, la Biblioteca Reale, il Palazzo Reale, la Galleria Sabauda, il Museo Archeologico, i Giardini Reali e le Sale Chiablese. Tutte queste meraviglie sono visitabili con un unico biglietto. Per la loro importanza, i Musei Reali entrano a pieno diritto tra le attrazioni più frequentate d’Italia.

Duomo di San Giovanni Battista e Sacra Sindone

Costruito in stile rinascimentale tra il 1491 e il 1498, il Duomo è dedicato al patrono della città, San Giovanni Battista. Nel XVII secolo fu ristrutturato al fine di aggiungere la cappella della Sacra Sindone. Essa è un lenzuolo di lino che, secondo i racconti del vangelo, fu utilizzato per avvolgere il corpo di Cristo. Scampata all’incendio del 1997, oggi è conservata in posizione distesa all’interno di una teca a tenuta stagna. In occasione delle ostensioni (esposizioni pubbliche) la Sindone viene esposta.

Mercato di Porta Palazzo

Si tratta di uno dei più grandi mercati all’aperto d’Europa. Collocato al centro di Piazza della Repubblica è suddiviso in un’area coperta e una aperta. Presso il mercato si possono trovare le più svariate categorie di merci, da quelle alimentati ai casalinghi, calzature, ecc.

Venaria Reale

Costruita tra il 1659 e il 1679 per volere di Carlo Emanuele II è una delle più belle residenze ducali del Piemonte. Nel 2007 è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio. Da ammirare i giardini immensi che comprendono una ricca varietà di fiori. La Reggia, con le sue Scuderie Juvarriane, è anche sede di mostre ed eventi.

Santuario della Consolata

Considerato il luogo di culto più importante di Torino è ufficialmente denominata Chiesa di Santa Maria della Consolazione. Tra le curiosità essa originariamente aveva una struttura romanica che fu resa barocca grazie all’intervento di Filippo Juvarra. All’interno di una cripta è conservata una copia dell’icona delle Vergine dell’artista che più volte scomparse e ricomparse.

Gallerie coperte

Come molte cittadine del nord anche Torino presenta le gallerie coperte. La funzione principale era quella di collegare i palazzi in modo che i nobili potessero passeggiare anche durante la pioggia. Ricche come ai tempi di bar, locali e negozi, le più famose sono tre: la galleria Subalpina, la Galleria Umberto I e la Galleria San Federico.

Villaggio Leumann

Costruito alla fine dell’800 su richiesta dell’imprenditore svizzero Napoleone Leumann. Utilizzato come alloggio per i suoi dipendenti e ancora oggi abitato da alcuni di essi. Al suo interno sono custoditi, dopo essere stati restaurati, edifici in stile liberty, la chiesa di Santa Elisabetta e una vecchia scuola elementare. Il villaggio oggi è sostenuto da una associazione culturale che ne promuove eventi e visite guidate.

Piazza Castello e Palazzo Reale

Si tratta del fulcro di Torino. Fu progettata dall’architetto Ascanio Vitozzi nel 1584 su richiesta del Duca Carlo Emanuele I. La piazza è collegata alle quattro vie principali della città, ovvero Via Roma, Via Pietro Micca, Via Po e Via Garibaldi. Attorno ad essa sono presenti diversi palazzi cittadini che arricchiscono la bellezza della piazza. In ordine si possono ammirare: il Palazzo Reale (residenza del Re di Sardegna fino al 1659 poi Vittorio Emanuele II fino al 1865),il Teatro Regio, il Palazzo della Giunta Regionale, il Palazzo del Governo, l’Armeria e la Biblioteca Reale (contenente l’autoritratto di Leonardo da Vinci).

Palazzo Madama

Costruito sulle rovine di una porta romana, ha assunto diverse funzioni nel corso dei secoli. Utilizzato come fortezza, poi come castello e infine residenza delle due “Madame reali”, Maria Cristina di Francia e Giovanna di Savoia. Oggi è sede del Museo Civico di Arte antica.

Museo delle Antichità Egizie

Sicuramente il pezzo forte della città, imperdibile durante la visita nel capoluogo piemontese. Fu realizzato nel 1826 dal re di Sardegna Carlo Felice che acquistò diverse opere egiziane. Oggi al suo interno sono presenti più di 30.000 pezzi! Faraoni, sarcofagi, stele, gioielli fanno del Museo di Torino il museo più importante delle antichità Egizie al di fuori dell’Egitto. Data l’importanza del museo è preferibile prenotare in anticipo.

Parco del Valentino

Luogo adatto per passeggiate e attività sportive fu ridisegnato nell’ottocento da Barrillet-Dechamps. Rimane incerta l’origine del nome dell’area verde. Al suo interno sono presenti opere storiche e più recenti, dal meraviglioso castello omonimo alla famosa panchina degli innamorati.

Piazza San Carlo

Conosciuta come il “Salotto della città”, piazza San Carlo deve il suo appellativo all’eleganza e all’architettura dei palazzi che la circondano. Al centro della maestosa piazza è presente la statua di Emanuele Filiberto su un cavallo in bronzo. Ricca di caffè storici, un tempo frequentati da gente come Giolitti e Cavour e tanti altri intellettuali. La piazza è punto di ritrovo per i festeggiamenti di avvenimenti importanti sia storici che sportivi.

 Altri luoghi da visitare

  • Museo Gam
  • Museo dell’Automobile
  • Monte dei Cappuccini
  •  Villa della Regina
  • Porta palatina
  •  Chiesa della Gran Madre di Dio
  • Basilica di Superga

Cosa mangiare a Torino

La cucina torinese è caratterizzata da diversi piatti tipici della tradizione locale. Spesso si tratta di cibi da preparazione molto lunghe ed elaborate e dal risultato prelibato. La carne e le verdure sono il pezzo forte accompagnate sempre da un buon vino. I piatti più famosi sono sicuramente la bagna cauda, il vitel tonné e gli agnolotti.

Come muoversi a Torino

La città di Torino è servita dall’aeroporto Caselle distante circa 16 km dal centro e ben collegato comodamente dai mezzi pubblici. In città è possibile usufruire di bus e tram. Se si arriva in macchina la città gode di ampi parcheggi al coperto dove è possibile lasciarla.