Vai al contenuto

Cosa vedere a Salisburgo in 1 giorno

Salisburgo sorge sulle rive del fiume Salzach, circondata dal verde e montagne regala un’atmosfera fiabesca. La città è divisa in Altstadt (Città Vecchia) e Neustadt (Città Nuova). Ricca di imponenti palazzi e castelli arroccati nelle montagne circostanti, il centro storico è stato dichiarato Patrimonio UNESCO nel 1997.

Ha dato i natali a Wolfgang Amadeus Mozart e tutto è incentrato attorno al noto artista: dal festival ai dolci ( in suo onore sono famosi dei dolci al cioccolato). Ben collegata con le altre città austriache e la vicina Monaco è facilmente raggiungibile in treno o con tour organizzati.

Fortezza di Hohensalzburg

La fortezzza domina la città dal 1077, costruita per volere dell’arcivescovo Gebhart I von Helffenstein. Per giungere al risultato imponente come la vediamo oggi ci vollero ben 500 anni., Fu costruita in più tappe da quando fu commissionata la prima volta la torre dall’Arcivescovo. La roccaforte divenne una sorta di piccola cittadina dove risiedevano gli ecclesiastici. Ospita tre musei: Museo della Fortezza, Antico Arsenale e Museo del Reggimento Rainer. La vista che si gode dalla terrazza panoramica (Reckturm) sulla città vecchia e le Alpi è semplicemente straordinaria. Qui il link per il biglietto.

Castello Hellbrunn

Commissionata dall’arcivescovo-principe Marcus Sitticus nel 1612 come residenza estiva. Costruita in stile italiano dall’architetto Santino Solari ai piedi del monte Hellbrunn. Le sorgenti d’acqua hanno favorito una connotazione unica e originale al luogo. Il castello infatti è noto per i Wasserpiele (giochi d’acqua) dei giardini del palazzo.

Duomo

Altro progetto dell’architetto italiano Santino Solari, il Duomo, venne consacrato nel 1628. In realtà, la struttura fu edificata nel 774. Subì diverse distruzioni e ristrutturazioni e fu riconsacrata l’ultima volta nel 1959 dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Le tracce dei primi edifici visibili nella cripta della Salzburger Dom. Ogni anno dal 1920, all’apertura del Festival di Salisburgo, il Duomo fa da sfondo alla rappresentazione del dramma teatrale “Jedermann”. Durante il periodo natalizio diventa un suggestivo palcoscenico per i canti dell’Avvento. Per godere al meglio del meraviglioso interno ecco il link per acquistare i biglietti.

Residenz Salzburg

A pochi passi dal Duomo si trova il Palazzo “Residenze”. Costruito tra il 500’ e il 600’ e stato rivisitato diverse volte. Il grandioso edificio fu la residenza urbana degli arcivescovi fino all’inizio del XIX secolo, quando la città passo nelle mani dell’impero asburgico. Costituito da sontuose sale (Sala dei Carabinieri, delle Udienze, dei Cavalieri, ecc), al terzo piano è presente una collezione di quadri comprendente opere dell’arte europea dal XVI al XIX secolo.

Chiesa dei Francescani

Luogo di culto differente rispetto alla sontuosità del Duomo. Diviso in di due parti: l’originale basilica romanica a tre pesanti navate con volte a vela, e l’ardito coro tardogotico con delicate volte stellari, fiancheggiato dallo svettante campanile.

I luoghi di Mozart

La città di Salisburgo ha dato in natali a Mozart. Malgrado ciò l’artista non ha mai amato la città. Dissidi che ebbe nel corso della sua vita con le figure ecclesiastiche portarono l’artista a girovagare per l’Europa. Nonostante questo la città oggi omaggia in tutti i modi il compositore. Una piazza e un ponte sono stati ribattezzati con il suo nome. A lui è stato intitolato il Mozarteum, una tra le più importanti accademie di musica d’Europa. Infine caffè e ristoranti portano il suo nome. Perfino un dolce è stato dedicato al compositore. Le squisite sfere di cioccolato farcite di marzapane,“Mozartkugeln”(Palle di Mozart).


Al civico 9 di Getreidegasse, nel cuore della città, sorge la casa in cui il 19 gennaio 1756 venne alla luce Mozart.

In Makartplatz 8 si trova invece l’appartamento in cui visse la famiglia Mozart. Trasferitasi nel 1773 e dove Amadeus vi abitò fino al 1780, anno in cui si trasferì a Vienna.

Il Castello Mirabell

Nel 1606 il principe-arcivescovo Wolf Dietrich von Raitenau fece costruire un castello per la sua amante, Salome Alt, dalla quale ebbe 15 figli. Alla morte di Wolf Dietrich, il castello fu rinominato Mirabell per volontà dell’arcivescovo Markus Sitticus che gli successe alla morte. Ciò che rende celebre il palazzo sono i suoi giardini alla francese, apparsi nel film “Tutti insieme appassionatamente”. Progettati nel 1690, i giardini vantano viali alberati, statue e fontane decorate da sculture.

I mercatini di Natale

Nel caso in cui vi troviate a visitare Salisburgo nel periodo natalizio l’atmosfera è resa magica dalle luci, decorazioni e i mercatini di Natale. Il Salzburger Christkindlmarkt (Mercato di Gesù Bambino) che si estende su Piazza della Residenza e Piazza Duomo, è uno dei mercati più antichi nonché uno dei più grandi e belli d’Europa. Oltre ai prodotti artigianali tipici è possibile gustare dolci tipici e piatti della tradizione e assaggiare il tipico  “Jagatee” ( tè nero con “obstler” o rum)

Il festival della Musica

Nel periodo estivo l’atmosfera di Salisburgo è resa magica per sei settimane dal festival della musica. Un programma ricco di concerti, spettacoli teatrali e opere liriche, messi in scena in diversi luoghi della città (teatri, piazze, sale concerto, parchi). Il festival è organizzato tra luglio e agosto. Le prime edizioni si svilupparono alla fine del XIX secolo e dal 1920 le edizioni furono sempre presenti ad esclusione delle due grandi guerre mondiali.