Vai al contenuto

Cosa vedere a Rimini in 1 weekend

Rimini è considerata per antonomasia la terra delle spiagge e del divertimento estivo. Insieme alla vicina Riccione, nel corso dei decenni ha subito un sovraffollamento di alberghi e strutture ricettive popolare il lunghissimo litorale. Oltre alle spiagge e la vita mondana consiglio di godersi il cuore della città e scoprire i tesori secolari presenti.

Completano la bellezza della città romagnola l’ottima cucina e la tradizione cinematografica, legata anche Fellini. Il regista nacque nel quartiere Borgo San Giuliano dov’è possibile ammirare l’atmosfera autentica e nostalgica legata ad esso. La città è molto raccolta e in giornata è facilmente visibile in giornata a piedi.

Centro storico e Piazza Cavour

Piazza Cavour è il fulcro di Rimini, luogo dove sono concentrati la movida, la storia e la cultura. Attorno alla piazza, affollata tutto l’anno, locali, bar e ristoranti sono incorniciati da palazzi e luoghi d’interesse. Meritano di essere citati i palazzi del Podestà e Garampi oltre la Fontana della Pigna. Completa la rassegna dei monumenti il Teatro comunale, in stile neoclassico, inaugurato da Giuseppe Verdi nel 1857.

Arco di Augusto e Piazza Tre Martiri

L’Arco di Augusto fu costruito nel 27 a.C. Corrisponde a uno degli archi trionfali romani più importanti e antichi dell’Italia Settentrionale. Attraversare l’arco regala l’emozione di un viaggio nel tempo. Da esso parte il corso omonimo che giunge fino al centro e riccamente popolato di negozi. Nelle vicinanze dell’arco si trova la Piazza Tre Martiri, l’antico foro romano della città. Per secoli ha rappresentato il cuore politico e commerciale di Rimini. Nella piazza nel 1547 fu costruita la Torre dell’Orologio con un quadrante a calendario e fasi lunari.

Ponte di Tiberio

Negli ultimi anni in Italia sono spesso accadute legate ai ponti. Un ripasso di storia di costruzione romana potrebbe essere utile. Il Ponte di Tiberio possiamo ammirarlo intatto dopo 2000 anni! Nonostante gli attacchi subiti nel corso dei secoli il ponte ha sempre retto e i suoi cinque archi fungono da attraversamento cittadino. Nelle vicinanze di esso si snoda Borgo San Giuliano.

Borgo San Giuliano

Il Borgo, che inizia superato il ponte di Tiberio, fa respirare un’atmosfera completamente diversa. Appassionati o meno del regista riminese merita assolutamente una visita. Decorato di murales riferiti alle opere cinematografiche di Fellini e attorniato da case colorate. Un tempo borgo di marinai nelle piccole osterie ancora oggi è possibile gustare piatti tipici.

Tempio Malatestiano

Dai riminesi è conosciuto come “Il Duomo”. L’edificio fu commissionato per volere di Sigismondo Pandolfo Malatesta per celebrare i fasti della famiglia. Edificato su una preesistente struttura visivamente è composto da un mix di stili diversi. All’interno opere e sculture di artisti come Piero della Francesca, Giotto o Vasari regalano fascino ai chi visita il monumento.

Vecchia Pescheria

Punto di ritrovo della popolazione locale grazie alla presenza infinita di pub e ristoranti. In passato si svolgeva il mercato del pesce. L’edificio fu realizzato dall’architetto Buonamici. Caratteristica principale è il susseguirsi di elementi architettonici fini ed eleganti.

Le spiagge

La Marina di Rimini è la costa più frequentata della città e rientra tra le bellezze della riviera romagnola. Presa d’assalto da una miriade di turisti che affollano le spiagge sia libere che private. La sera rimane affollata grazie alle discoteche, i pub e la movida tipica romagnola.

Cosa mangiare a Rimini

Rimini si trova in una zona del territorio italiano ricco di tradizioni eno-gastronomiche. Street food tipico è la piadina romagnola. Nella sua semplicità (farina, acqua, sale e strutto) è farcita con ottimi ingredienti locali quali salumi e formaggi, in particolare lo squacquerone! Disseminati ovunque in città sono i chioschi che le preparano fresche in loco. Tra i piatti da segnalare ovviamente le tagliatelle e le lasagne accompagnate da ottimi sughi di carne. Come secondi invece non può mancare il pesce locale accompagnato con ottimi vini della zona.