Vai al contenuto

Cosa vedere a Padova in 1 giorno

Città universitaria e commerciale, Padova è una delle tante perle del Veneto. Un detto popolare che dice “Venezia la bella e Padova sua sorella”, fa capire quanto sia bella la città di Padova.

Solo la famosissima Cappella degli Scrovegni vale come giustificazione per visitare la città. Il famoso Sant’Antonio di Padova trova riposo con le reliquie nella sua città, con dolci dedicati ad esso. La presenza universitaria rende inoltre l’atmosfera cittadina molto giovanile.

Cappella degli Scrovegni

Esternamente l’anonima chiesa potrebbe passare quasi inosservata passando lungo le strade di Padova. La “semplice costruzione” come la definì lo stesso Giotto ospita il più importante ciclo di affreschi del mondo. L’artista ricevette l’incarico da Enrico Scrovegni nel 1303 e dopo soli 2 anni completò l’opera. La bellezza dell’opera è difficile commentare con le parole data la sua immensa maestosità. E’ possibile osservare il cielo stellato e seguire le pareti come si sfogliasse un libro! La cappella è possibile visitarla ad accesso limitato (a gruppi di 25 persone). Dopo una prima spiegazione delle opere in una camera di compensazione per 15 minuti è possibile accedere alla cappella. Dal 2021 è diventata Patrimonio UNESCO. Infine, consiglio di prenotare in anticipo dal sito ufficiale.

Musei Civici di Padova

Nel complesso dove si trova la Cappella degli Scrovegni, ci sono i Musei Civici che comprendono: il Museo Archeologico, il Museo d’Arte Medievale e Moderna, il Museo Bottacin di Palazzo Zuckermann. Diviso in più sezioni, la parte archeologica è molto interessante. Il pezzo forte del sito è la pinacoteca. Essa raccoglie opere dei grandi maestri della pittura italiana nel periodo compreso tra il 1300-1800.

Basilica di Sant’Antonio

Considerata dai padovani la “dimora del Santo” è un tripudio di stili architettonici diversi che passano dal romano al gotico. Meta di pellegrinaggio senza sosta che culmina con la processione del 13 giugno. All’interno sono conservate in delle teche le reliquie del santo protettore della città.

Piazza delle Erbe e della Frutta a Padova

Anche Padova possiede la sua “Piazza delle Erbe”. Si tratta del luogo adibito al mercato, zona molto vivace e ricca della città. Intorno sono presenti diversi palazzi interessanti, come il Palazzo della Ragione. Le due piazze, sono collegate dal passaggio coperto come “Volto della Corda.


Palazzo della Ragione a Padova

Affacciato su Piazza delle Erbe il Palazzo delle Ragione, l’imponente palazzo fu eretto agli inizi del 1200. Per molto tempo fu sede del tribunale. Dai padovani è chiamato “il salone”. Il nome deriva per la presenza di un grande salone situato al primo piano. Ricco di affreschi, una parte furono distrutti da un incendio nel 1420.


Orto Botanico

L’Orto botanico di Padova fu istituito nel 1545 per la coltivazione delle piante medicinali. Insignito nel 1997 del titolo di Patrimonio dell’Umanità UNESCO è attualmente annesso all’Università di Padova. Al suo interno sono ospitate quasi 7.000 specie di piante.

Osservatorio Astronomico la Specola

Inizialmente progettato come come prigione divenne successivamente una torre di guardia. Dopo un lento declino nel 1767 divenne un osservatorio astronomico. Nell’immaginario collettivo la Specola fu il luogo delle scoperte astronomiche da parte di Galileo Galilei. In realtà non fu proprio così dato che l’osservatorio venne messo in funzione oltre un secolo dopo. Nel 1994 venne trasformato in museo astronomico garantendo la possibilità ai visitatori di ammirare esposizioni di antichi strumenti.


Torre dell’Orologio

In Piazza dei Signori è possibile ammirare la Torre dell’orologio contraddistinta da un orologio astronomico che segnala mese, giorno e fasi lunari. La torre di origine medievale serviva da ingresso fortificato di levante della Reggia Carrarese, ma l’aspetto attuale si deve ai lavori iniziati nel 1426 e conclusi con l’inaugurazione dell’orologio nella festa di Sant’Antonio del 1437.


Duomo e Battistero di Padova

In secondo piano rispetto alla Basilica, il Duomo e il battistero si trovano nella piazza omonima. Dedicato a Santa Maria Assunta fu iniziato a costruire nel 1522. Fu completato solamente dopo 200 anni e lasciato con una facciata incompleta sulla quale si aprono i tre portali.

Altri luoghi da visitare a Padova

  • Prato della Valle
  • Palazzo del Bo, Teatro Anatomico e Cattedra di Galilei
  • Villa Pisani Museo Nazionale
  • MUSME, Museo della storia della medicina
  • Parco Regionale dei Colli Euganei

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *