Vai al contenuto

Cosa vedere a Mykonos in 1 weekend

L’isola di Mykonos è famosa per la sua mondanità, feste in spiaggia, discoteche e le bellissime spiagge. Gli stereotipi attorno all’isola sono ahimè veri. Presa d’assalto da flotte di turisti nel periodo estivo, sconsiglio di visitarla se non piace la confusione nei mesi di Luglio e Agosto. Come esperienza personale per godersi la bellezza delle spiagge conviene andare i primi di settembre. Nota negativa può capitare durante il giorno la presenza del meltemi, il fastidioso vento dell’isola.

Detto ciò durante un viaggio in Grecia merita una visita anche in giornata per poi spostarsi nelle altre meravigliose isole attorno ad essa. L’isola infatti è ben collegata. Servita da un aeroporto e un porto. Quest’ultimo fa da tappa per diverse compagnie di navi da crociera.

Le spiagge di Mykonos

Uno dei motivi che spinge i turisti a visitare l’isola sono sicuramente le bellissime spiagge. Cliccando nella mappa sopra è possibile appuntarsi le migliori da visitare. Mare cristallino e sabbie stupende caratterizzano ognuna di esse. Ne sono presente per ogni tipologia dalle tranquille a quelle da festa. Nomi come Paradise e Super Paradise sono ricche di discoteche, beach bar, comunità LGBT e giovani. Tra le altre da ricordare: Agios Ioannis, Platys Gialos, Kalafatis, Agia Anna, Ftelia, Lia.

Hora o Chora

Rappresenta il centro storico dell’isola e punto di partenza per visitare tutto il resto di Mykonos. Caratterizzata da viuzze piene di locali e negozi di ogni genere. La più importante per lo shopping è Matoyianni, da qui si dipartono il resto delle attrazioni di Mykonos.

Mykonos è anche cultura, la famosa chiesa ortodossa Panagia Paraportiani è la più famosa dell’isola. Corrisponde a uno dei punti più fotografati. Essa è composta dalla fusione di cinque edifici religiosi precedenti. Edificata tra il XV e XVII secolo.

Little Venice è un quartiere incorporato a Chora. Sembra di trovarsi in un’atmosfera simile a quella di Venezia. Tra i vari bar e locali è possibile gustare un aperitivo ammirando ottimi tramonti.

I mulini di Mykonos risalgono al XVI secolo e sono uno dei punti d’interesse a livello fotografico.

Un tempo utilizzati per macinare il grano dell’isola adesso ospitano un piccolo museo con foto che rievocano l’attività di un tempo.

Il faro di Armenistis sorge su un promontorio dalla vista fenomenale. Per giungere al faro si percorre una strada dal fascino particolare tra colline e campagne. Qui l’atmosfera è molto più pacifica e lontana dalla confusione della movida.

Come muoversi a Mykonos

L’isola è abbastanza piccola e non ci sono tantissimi mezzi pubblici. Consiglio di noleggiare uno scooter, auto o per una esperienza più particolare un quad. Nella mia esperienza nell’isola ho scelto il quad come mezzo, ne è valsa la pena. I prezzi variano in base alla stagione, come detto agosto è molto affollato e lievitano anche i prezzi.