Vai al contenuto

Cosa vedere a Gand in un 1 giorno

Gand(o Gent in olandese) è un piccolo gioiellino che si trova nella regione delle Fiandre. La città è capoluogo della regione. Città natale di Carlo V è ricca di canali navigabili e di edifici caratteristici. Il centro storico è reso magico grazie allo stile gotico.

Nel Febbraio 2023 durante il mio tour del Belgio ho inserito la cittadina tra le mie tappe. Come detto negli articoli dedicati al piccolo stato europeo, la città è ben collegata. In giornata si può vedere in modo completo. Utilizzando come base Bruxelles, ho approfittato dei numerosi treni per visitare in giornata Gand. Molto green è piena di biciclette che i locali utilizzano per ogni spostamento.

Beffroi di Gand

Il Beffroi di Gand è il simbolo cittadino. La torre composta è da un campanile alto 95 metri. Fu costruita intorno al 1300 e nel 1999 è stata dichiarata Patrimonio UNESCO. E’ possibile salire all’interno della torre. Oltre alla possibilità di una visita al museo del campanile si gode una vista mozzafiato.

Cattedrale di San Bavone

Alle spalle del Beffroi sorge il principale luogo di culto cittadino, l’imponente Cattedrale di San Bavone. Fonda le sue basi nel luogo in cui sorgeva una cappella in legno dedicata a San Giovanni Battista. Nel 1228 iniziarono i lavori che si protrarranno fino al 1628. Dal 1559 la cattedrale è dedicata al monaco cristiano Bavone. L’interno della cattedrale è in stile barocco con splendide vetrate. Tra le opere è presente il polittico dell’Agnello Mistico. Costituito da 12 pannelli lignei realizzati tra il 1426 e il 1432 da Hubrecht e Jan van Eyck

Chiesa di San Nicola

La chiesa dedicata a San Nicola di Bari è la più antica di Gand. La sua costruzione fu terminata nel 1200. Internamente sono imperdibili le vetrate policrome realizzate da Jean-Baptiste Capronnier. Interessante il pulpito in legno scolpito e l’organo ottocentesco progettato da Aristide Cavaillé-Coll. Caratteristica della chiesa è la presenza del campanile. Esso si innalza dal centro della chiesa e svolgeva inizialmente il ruolo di Beffroi.

Castello dei Conti di Fiandra

Fortificazione medievale che sorge tra i fiumi Leie e Schelda. Edificato inizialmente in legno fu successivamente fortificato in pietra calcarea. Tra l’XI e XII secolo fu costruito il fossato. Tra i suoi utilizzi quello di residenza reale e come prigione. Oggi ospita un museo con tematiche dedicate alle usanze medioevali e strumenti di tortura.

Graslei e Korenlei

Sulle sponde del fiume Leie sorgono le banchine gemelle Graslei e Korenlei. Un tempo costituivano il vero nucleo commerciale della città. Lungo le banchine sono visibili le facciate delle corporazioni dei mercanti in stile fiammingo. Densamente popolate grazie alla presenza di ristoranti e bar. Collegate dal ponte San Michele, sono uno dei punti più romantici e panoramici della città! Al centro del ponte è presente una lanterna posta di fianco alla statua di bronzo di San Michele. Consiglio per avere una visione suggestiva della città un tour un barca!

Chiesa di San Michele

Proprio al termine del ponte di San Michele, si trova l’omonima chiesa. Capolavoro tardo gotico rappresenta uno dei simboli della città. La chiesa ospita numerosi dipinti di artisti celebri come il “Cristo in croce” di Van Dyck.

Korenmarkt

Il fulcro del centro storico di Gand è Korenmarkt, la piazza del grano. Attorno ad essa sono presenti innumerevoli bar e ristoranti. La piazza pullula di turisti tutto l’anno. Da qui parte la via dello shopping, la Donkersteeg.

Vrijdagmarkt

Altra piazza famosa oltre Korenmarkt, è la Vrijdagmarkt. Il nome deriva dallo svolgimento del mercato ogni settimana il venerdì. Al centro della piazza si trova la statua di Jacob van Artevelde. In questo luogo venivano un tempo giustiziati i condannati a morte.

Stadhuis van Gent, Municipio

Costituito da due edifici risalenti ad epoche diverse, uno in stile gotico l’altro in stile rinascimentale. Lo Stadhuis van Gent è il municipio storico cittadino. Le sale interne sono caratterizzate da soffitti alti e travi in legno. Le visite si svolgono solo su prenotazione nei mesi estivi.  

A pochi passi dal municipio una curiosità: una piccola stradina dalle mura completamente colorate. La Werregarenstraat è una strada pedonale che collega Hoogpoort a Onderstraat. Trasformata dagli artisti di street art in un luogo per gli appassionati da fotografare assolutamente.

Patershol

Per godersi ancora di più l’atmosfera medievale di Gand è fondamentale fare un salto nel quartiere Patershol. Una serie di stradine di ciottoli con passaggi stretti si intersecano tra di loro seguendo gli antichi tracciati medievali. Lungo le strade è possibile ammirare botteghe, case di artigiani, palazzi storici ed ex residenze di ricchi mercanti.

Huis van Alijn

L’ Huis van Alijn è un museo dedicato alla vita quotidiana nella Gand del secolo scorso. Il museo è ospitato nelle sale dell’antico ospedale pediatrico di Alijn, fondato nella seconda metà del Trecento.

Museo delle Belle Arti MSK

Si tratta di uno dei musei più antichi del Belgio. Conserva più di 9.000 pezzi d’arte che vanno dal Medioevo al 20° secolo. La pittura fiamminga ovviamente occupa il ruolo principale nel museo.

STAM

Si tratta di un museo interattivo! Al suo interno si fa un viaggio nel tempo. La storia della città è raccontata attraverso immagini, video, realizzazioni Lego e pavimenti touch. L’edificio trasparente è stato realizzato da Koen Van Nieuwenhuyse. Svolge le funzioni di servizi, sale riunioni e bar.

Cosa mangiare a Gand

La tradizione culinaria belga è omogenea in tutto il territorio compreso le Fiandre. Birra, cioccolato, patatine sono il must! Altre pietanze tipiche della zona sono i waterzooi, i cuberdon e il gentse stoverij. Qui è possibile consultare bene in dettaglio cosa mangiare.

Come muoversi a Gand

Gand ad oggi è una delle città più green che abbia mai visto. Il numero di biciclette in giro è davvero impressionate. Ancora non sono stato in Olanda ma posso dire che qui ci sono più bici che auto. I mezzi pubblici sono davvero molto efficienti. Utilizzando i tram è possibile spostarsi da una parte all’altra della città.