Vai al contenuto

Cosa vedere a Cagliari in 1 giorno

Cagliari è il capoluogo della Sardegna. La sua posizione l’ha resa un punto strategica nel corso dei secoli. Diversi sono i popoli che transitarono da queste parti dopo la fondazione da parte dei Fenici. Passata sotto il domino romano, dopo un periodo pisano e spagnolo per molto tempo Cagliari e la Sardegna passarono in mano Piemontese. Il castello è il luogo principale di interesse cittadino. Attorno ad esso sorgono le principali attrazione, la sua posizione inoltre regala una vista panoramica della città.

Tappa di numerose crociere durante tutto l’anno la città è tutto sommato di piccole dimensioni. In giornata si visita nella sua interezza. La fortuna di avere anche lo scalo vicino permettere di raggiungere la città da ogni parte d’Italia. Cagliari come le altre città Sarde sono prese d’assalto durante tutto il periodo estivo. L’obiettivo è quello di essere considerate come tappe di partenza per raggiungere le bellissime spiagge che regala la regione.

Ho avuto modo di visitare nell’estate 2023 questa zona della Sardegna. Come consiglio il metodo migliore per visitarla è l’affitto di un auto. I mezzi pubblici purtroppo non sono all’altezza nonostante la bellezza del territorio.

Bastione di Saint Remy

Costruito tra la fine dell’800′ e gli inizi del 900′ in onore del primo Vicerè Piemontese. Dalla sua posizione è possibile ammirare l’intera città. Da tale punto è possibile scoprire il resto di Cagliari tra le varie stradine. Per accedere al bastione sono presenti due rampe di scale.

Torri dell’Elefante e San Pancrazio

Costituiscono due torri gemelle che sorgono nella zona antica della città. Le torri delimitano l’area dell’antico quartiere del Castello. Furono erette agli inizi del 300′ come scopo difensivo. Le strutture sono da alcuni anni visibili solo dall’esterno in quanto sono chiuse per restauro. Nota curiosa, la torre dell’elefante si chiama così a seguito della presenza di una piccola statua di un elefantino su un lato di essa.

Cattedrale di Santa Maria Assunta

Risalente al XIII secolo fu realizzata in stile gotico pisano. Dedicata alla Vergine S.M Assunta e Santa Cecilia divenne cattedrale nel 1258. Nei secoli successivi subì diversi lavori di rifacimenti e di ampliamento. Durante gli ultimi lavori agli inizi del XX secolo riemersero alcune cappelle dell’epoca medievale. All’interno sono ospitati alcuni tesori artistici tra quadri e sculture. Infine trova spazio anche una cripta.

Anfiteatro Romano

Non poteva non mancare un anfiteatro romano anche a Cagliari. I resti della dominazione si trovano proprio a poca distanza dalla zona vecchia della città. Risalente al II secolo d.C. è il monumento più importante della storia romana in Sardegna. A poca distanza è presente la Cittadella dei Musei. Al suo interno sono collocati numerosi reperti storici provenienti da tutta la regione.

Palazzo Civico

Situato nell’area nuova, il quartiere Marina. Il palazzo è un costituito da un mix di stili architettonici diversi. Realizzato in marmo bianco mescola stili gotico-catalani con motivi Art Noveau. Al suo interno sono ospitati gli uffici comunali e tra le sale sono ospitati alcuni interessanti dipinti e un arazzo del seicento.

Spiaggia del Poetto

Come anticipato nella presentazione dell’articolo, uno dei motivi principali per fare tappa in Sardegna sono le spiagge. Anche a Cagliari sono presenti sia nei dintorni che in città coste interessanti. La più gettonata dai cagliaritani è la spiaggia del Poetto. Posizionata in città è ben servita dai mezzi pubblici (una delle poche). Gli autobus fermano lungo diverse tappe per l’intero litorale. Ricca di lidi e spiagge libere è molto affollata durante il periodo estivo. Ne vale la pena passarne almeno mezza giornata tra le sabbie fini.

Come muoversi a Cagliari

La città rispetto al resto dell’isola offre maggiori opzioni in termini di servizi pubblici. L’aeroporto è ben collegato al centro tramite treni e bus che garantiscono un servizio rapido e diretto al centro. I bus cittadini collegano la città, il Poetto e le spiagge limitrofe. In questo link potete trovare tutte le informazioni necessarie.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *