Vai al contenuto

Cosa vedere a Bucarest e in Transilvania

Bucarest è diventata una meta turistica molto popolare negli ultimi anni. Soprannominata la piccola Parigi in riferimento ai viali alberati che richiamano i boulevard francesi, ricca di attrazioni da visitare. Il motivo principale che richiama flotte di turisti da un po’ ti tempo a questa parte sono le rinomate terme. La Romania è patria del Conte Dracula. Il vampiro rappresentato in diverse rappresentazioni cinematografiche nel corso dei decenni, trova il suo castello a meno di 200 km da Bucarest.

I numerosi collegamenti operati dalle compagnie low cost dall’Italia e dall’Europa permettono di visitare Bucarest in pochi giorni. La capitale rumena inoltre è una delle mete europee più economiche e alla portata di ogni tasca. Ho approfittato delle festività natalizie per farmi un tour a Bucarest. Un articolo dedicato racconta la mia avventura che può essere utilizzata come spunto di viaggio. Ecco il link: my trip to Bucarest

Palazzo del Parlamento

Si tratta del secondo edificio amministrativo più grande al mondo dopo il Pentagono. Imponente, impossibile non notarlo. Il complesso è alto 84 metri, presenta oltre 1000 stanze e ci sono voluti circa 700 architetti per costruirlo. I rumeni non amano il palazzo in quanto fu voluto dal dittatore Ceausescu per dimostrare la sue manie di grandezza. Una piccola parte del palazzo oggi ospita il Museo Nazionale di Arte Contemporanea. L’interno dell’edificio è visitabile solo partecipando ad una visita guidata

Al megalomane dittatore non bastava un enorme palazzo presidenziale ma fece costruire una “residenza primaverile” (Palatul Primaverii). Un “piccolo edificio” di circa 80 stanze che ospita al suo interno un cinema privato e una piscina. La dimora, che oggi è diventata un museo, si trova presso Bulevardul Primăverii 50.

Cărturești Carusel

Una delle più belle ed eleganti librerie del mondo, si trova nel quartiere Lipiscani, nel centro storico di Bucarest. L’edificio, costruito nel XX secolo, si sviluppa su 6 livelli per una complessiva esposizione di circa 1000 metri quadri, è stato restaurato nel 2015. Dedicare una parte del viaggio in questo posto affascinante ne vale assolutamente la pena. La libreria si trova all’indirizzo Strada Lipscani 55. Orari: aperta tutti i giorni dalle 10 alle 22, il venerdì e sabato dalle 10 alle 24.

Terme di Bucarest

L’attrazione turistica più rinomata degli ultimi anni di Bucarest. Si tratta della struttura termale più grande d’Europa. Qualche numero: 8 piscine, scivoli, giardini, 6 saune e migliaia di piante dislocate in tutto il complesso. Vista la vicinanza all’aeroporto sono diventate un MUST. I collegamenti con le terme sono molto efficienti, dal centro città ci sono bus con frequenza oraria di 45 minuti. Come detto la città è molto economica, dall’aeroporto basta prenotare un taxi uber, in poche decine di minuti si arriva. Le terme sono composte in 3 zone con 3 tariffe diverse. Le aree sono: “Elysium”, il pacchetto più completo, “The Palm” e “Galaxy”, nel sito ufficiale delle terme potete consultare le informazioni.

Ecco una breve resume:
All’ingresso verrà consegnato un braccialetto dove è possibile lasciare tutto nell’armadietto personale indicato da un numero. Gli spogliatoi sono misti e si entra uno per volta.
Le zone hanno prezzi diversi e 3 fasce orarie, i pacchetti sono da 3 o 4.5 ore e intera giornata.
I prezzi variano da 16 ai 30 euro in base alle fasce indicate precedentemente.
Le terme sono aperte tutti i giorni fino alle 23, con aree attrezzate anche per bere un bel cocktail in piscina!

 Parcul Herăstrău o parco Regele Mihai I

Il Parcul Herăstrău, dal 2017 rinominato in parco Re Michele I (in Rumeno: Regele Mihai I), è il polmone verde di Bucarest. Al suo interno ospita il Muzeul Satului, un museo etnografico a cielo aperto dedicato alle tradizioni rumene. Il museo consiste nella raccolta di monumenti e manufatti risalenti al periodo compreso tra il XVII e il XX secolo.

Chiesa Stavropoleos

Una delle chiese più belle di Bucarest, Stavropoleos sorge vicino all’omonimo monastero, nascosta tra i nuovi edifici. Costruita nel 1724 e rappresenta un eccellente esempio di architettura romena, con la caratteristica torre-cupola e le volte riccamente decorate.  Il monastero è aperto tutti i giorni dalle 7 alle 20.

Chiesa Crețulescu

Situata in angolo di Piazza della Rivoluzione, la chiesa Crețulescu è facilmente individuabile per il colore rossiccio. Costruita nel Settecento, è sopravvissuta a diversi restauri, rifacimenti, minacce di abbattimento nel periodo comunista e ben due terremoti.

Ateneo romeno

Inaugurato nel 1888, l’Ateneul Român è la sala da concerti più prestigiosa di Bucarest. Lo stile è neoclassico con pianta circolare e un colonnato. Di fronte all’edificio si trova un piccolo parco e una statua del poeta rumeno Mihai Eminescu. Riconosciuto come simbolo della cultura rumena, nel 2007 è stato inserito nell’elenco dei siti con il Marchio di Patrimonio Europeo.

Teatro Nazionale di Bucarest

Il Teatro Nazionale di Bucarest (TNB) è uno dei più grandi d’Europa. Edificato in pieno centro durante gli anni Settanta, a poca distanza dal vecchio teatro nazionale. L’edificio precedente risalente alla metà dell’ottocento fu completamente raso al suolo nel 1944 dai bombardamenti nazisti. Il nuovo teatro fu ristrutturato nel 2010. Dal 1952 porta il nome del commediografo Ion Luca Caragiale.

Lipscani, la città vecchia

Il quartiere Lipscani è il centro storico di Bucarest. Un mix di edifici gotici, barocchi e neoclassici si affacciano su strade acciottolate. La sera il quartiere diventa molto vivace, pieno di giovani lungo le strade e i locali in un ambiente molto sereno e tranquillo.

Cattedrale dei Santi Costantino e Elena

Poco distante dal centro storico, su un piccolo colle, sorge il complesso che include la Cattedrale dei Santi Costantino ed Elena. Completano il complesso il Palazzo del Patriarcato e la Residenza Patriarcale. Qui vive la massima carica religiosa romena, il “Patriarca di tutta la Romania”, capo della chiesa ortodossa romena. La chiesa ha un aspetto molto simile alle altre viste precedentemente, fu costruita intorno alla metà del 1600.

Arco di Trionfo

Simile all’arco Parigino ma con storia ben differente. Si trova nella parte nord di Bucarest . L’arco fu inizialmente costruito per celebrare l’indipendenza della Romania nel 1878. Modificato diverse volte, la versione definitiva presente tutt’ora, vuole essere una commemorazione della partecipazione vittoriosa della Romania alla Prima Guerra Mondiale.

Grande Sinagoga

La Grande Sinagoga di Bucarest, fu costruita a metà ottocento con linee architettoniche semplici ed essenziali, è ancora attiva per la comunità ebraica locale. Purtroppo a causa della seconda guerra mondiale subì diversi atti di vandalici. Nei decenni successivi fu ristrutturata.

Castello di Dracula a Brasov

Nel caso in cui si ha più tempo a disposizione per visitare Bucarest consiglio una tappa al Castello di Bran. Situato nei pressi della cittadina di Brasov, a 170 km dalla capitale rumena. Diversi tour propongono escursioni con partenza da diversi punti di Bucarest o direttamente dall’albergo in cui si soggiorna (nel link sotto è possibile prenotare i tour).

Per chi vuole organizzarsi in maniera fai da te ecco come fare. Dalla stazione Gare du Nord di Bucarest partono treni circa ogni ora diretti a Brasov. Usciti dalla stazione bisogna prendere un primo bus tra le linee 23,23b e 25 che vi condurrà a una autostazione (autogara 2). Da qui ci sono diversi pullman che ogni mezz’ora circa condurranno al castello. L’attrazione è molto gettonata e l’acquisto in anticipo dei biglietti è altamente consigliato. In alternativa giunti alla stazione dei treni di Brasov si può prenotare un taxi Uber.

Cosa mangiare a Bucarest