Vai al contenuto

Cosa vedere a Barcellona: scopriamola

Barcellona è una città che attira milioni di turisti ogni anno. Affacciata nel Mar Mediterraneo conosciuta non solo per la movida e le famose spiagge. Ricca di monumenti e luoghi di interesse, tanto da aver ben 7 siti Patrimonio UNESCO!

La solarità e la vivacità degli spagnoli trova la massima espressione in questa città. La tipica abitudine di fare tutto con comodo dal mangiare all’attività lavorativa è molto presente in certe zone della città. A Barcellona non è presente solo la movida ma può vantare un’ottima tradizione gastronomica. Sicuramente è nota la crema catalana che prende il nome dall’omonima regione. Collegata dallo scalo aereo con diverse città Europee, rientra tra i tour delle crociere. Numerose navi fanno tappa tutto l’anno garantendo un ulteriore flusso di turisti.

Sagrada Familia

Sicuramente uno dei simboli di Barcellona per come la conosciamo in epoca moderna. Capolavoro dell’architetto Gaudì. L’opera, i cui lavori iniziarono nel 1882 ancora non è completamente finita. Internamente in alcune zone sembra un cantiere aperto, le facciate con le gru di fianco rendono l’idea. L’edificio in stile neogotico, fu seguito fino alla morte improvvisa di Gaudì. L’artista decise di rivoluzionare completamente il progetto iniziale. Composto da due facciate in cui viene raccontata la vita di Gesù. L’edificio rientra insieme ad altri lavori di Gaudì tra i Patrimoni UNESCO presenti a Barcellona. Per poter godersi al meglio della Sagrada Familia consiglio un tour con audio guida, qui è possibile prenotare in anticipo i biglietti.

La Rambla

La via per eccellenza a Barcellona è la Rambla. Il lungo viale inizia dal mare, in prossimità della statua di Cristoforo Colombo arrivando a Plaza de Catalunya. Notte e giorno turisti e gente locale passeggiano lungo il viale. Riccamente popolata di negozi, locali e artisti di strada rappresenta il clou cittadino.

La Pedrera (Casa Milà)

Uno dei tanti capolavori di Antonio Gaudì, conosciuta come “La Pedrera”. Fu costruita tra il 1906 e il 1910 si presenta con uno stile modernista. Il nome, che in spagnolo significa “cava”, deriva dall’aspetto della facciata che ricorda quello di una cava in piena lavorazione. La Pedrerà fa parte di un gruppo di edifici e parchi civili. Costruiti da Gaudi sul Passeig de Gracia fino alla collina El Carmel, sono inseriti nella lista dei Patrimoni UNESCO. Gli altri edifici sono Casa Battlò, Casa Vincens e Parque Güell. Anche le altre opere risaltano come La Pedrera per la stravaganza strutturale degli elementi architettonici e le forme sinuose che li caratterizzano.

Il Barrio Gotico

Si tratta del cuore medievale della città, il quartiere si sviluppa tra la Plaça de Catalunya e la zona del Porto Vecchio. L’atmosfera che circonda il quartiere è davvero unica. Tra le varie stradine lastricate e vicoli sono presenti ristoranti, bar e antiquari su una cornice di monumenti gotici e antichi residui dell’epoca romana. Nel quartiere è possibile ammirare altre meraviglie di Barcellona come la Cattedrale e il museo Picasso che verranno trattati nei punti successivi.

Cattedrale di Barcellona

Passeggiando attraverso le stradine del Barrio si giunge alla meravigliosa Cattedrale. Essa si affaccia su Pla de la Seu. Risalente al XIV secolo è dedicata a Santa Eulalia e Santa Croce. Rappresenta la massima espressione dello stile architettonico gotico catalano.

Museo Picasso

Il famoso pittore spagnolo fu molto legato alla città di Barcellona. In questa zona la città dedicò un museo che racchiude la sua più grande collezione. Edificato su un complesso di palazzi risalenti al XIV secolo. Nel museo è possibile ammirare opere riguardanti il periodo di giovinezza e di formazione dell’artista. Durante l’anno sono presenti mostre temporanee e diverse attività organizzate in merito alla storia medievale degli edifici.

Palau de la Música

Esempio del modernismo architettonico si tratta di un meraviglioso teatro musicale costruito agli inizi del 1900. Situato vicino al museo Picasso alle spalle del Barrio Gotico, l’edificio è stato dichiarato Patrimonio UNESCO nel 1997. Se già esternamente si presenta con una meravigliosa facciata ricca di mosaici l’interno regala ancora di più. Una sala concerti è dominata da una cupola capovolta in vetro policromo e diverse sculture.

La Barceloneta

Antico quartiere marinaro completamente ristrutturato durante le Olimpiadi del 1992. Pieno di viuzze, bar e case di pescatori in cui è possibile gustare del buon pesce e altri prodotti locali. Famosa la spiaggia li vicina presa d’assalto dai turisti e la gente del posto. Essa è apprezzata per la possibilità di svolgere diverse attività sportive.

Montjuïc e Fontana Magica

A ovest del centro storico si ammira la collina del Montjuïc. Si potrebbe considerare una città nella città in quanto è ricca di attrazioni, musei e monumenti. Sulla cima è presente il castello medievale che regala una vista mozzafiato. Il pezzo forte della zona è la Fontana Magica, costruita per l’Esposizione Universale del 1929. Regala ogni sera uno straordinario spettacolo di luci, colori e suoni attirando un enorme numero di turisti ogni giorno. La collina presenta una funivia che permette di salire rapidamente e godersi lo spettacolo di vedere Barcellona dall’alto. Qui il link per acquistare in anticipo i biglietti.

Altri luoghi da visitare

  • Mercato della Boqueria, il più grande mercato di Barcellona.
  • Parc de la Ciutadella, area di relax ricco di aree verdi.
  • Basílica de Santa Maria del Mar
  • Acquario di Barcellona, si trova nel porto vecchio.
  • Museo Macba

Cosa mangiare a Barcellona

La cucina spagnola, in particolare quella catalana, è ricca di piatti invitanti e non ha nulla da invidiare alle grandi gastronomie mondiali. Consiglio di evitare di mangiare nei locali “spenna turisti” della Rambla. E’ preferibile provare nelle zone dei quartieri tipici, trovando i migliori piatti Barcellonesi. Tra i cibi da assaggiare sicuramente gli ottimi frutti di mare e il pesce. Alcuni nomi da appuntarsi sono: il sofrito, la samfaina ,la picada/romesco e l’allioli. Tra i dolci non ha bisogno di presentazione la crema catalana. Infine numerosi sono i vini che possono accompagnare ai piatti locali.

Come muoversi a Barcellona

Nonostante la sua grandezza, Barcellona è ben collegata con i mezzi pubblici con bus, tram e metro (qui la mappa dei mezzi di trasporto). Il consiglio principale è quello di muoversi a piedi per gustare al meglio ogni quartiere e utilizzare i mezzi per spostarsi tra essi. Meglio in metro più comoda e veloce. Ottima alternativa è utilizzare un bus turistico che velocemente può portarvi da un luogo a l’altro soprattutto quando magari si ha poco tempo a disposizione come in crociera.